Team‐working e gestione dello stress. Palermo 6 Novembre 2014


Per maggiori informazioni sull’evento clicca qui
Per richiedere la partecipazione all’evento clicca qui
Il concetto di salute organizzativa suggerisce che le organizzazioni possano contribuire o meno al benessere e influire direttamente sullo stato di salute dell’intero sistema, attraverso la definizione dei contenuti del lavoro e l’adozione di alcune pratiche organizzative e relazionali. Occuparsi del tema del benessere organizzativo comporta dunque una riflessione sugli aspetti che lo determinano e sulle conseguenze che può avere a livello sia organizzativo che individuale. La Psicoterapia della Gestalt, abituata a guardare (e valorizzare) la ‘bellezza’ e le risorse presenti, piuttosto che ciò che manca, il malessere e le sue ipotetiche cause, ben si adatta ad un mondo, come quello delle organizzazioni, centrato sul concreto raggiungimento degli obiettivi e focalizzato sul next. Read more…

Condividi

Convegno gratuito con Jean Marie Robine. Palermo 15 Ottobre 2014


Un appassionante confronto tra psicoterapia gestaltica, junghiana e gruppo-
analitica alla ricerca degli elementi comuni e della diversità come promotrice
di crescita e apprendimenti.
Il dialogo dei tre approcci, sui concetti attuali e trasversali al mondo della
psicoterapia di campo fenomenologico e relazione, costituisce la possibilità
concreta di sperimentare la fiducia nella differenze e riconoscere nell’
alterità la dimensione costituiva della convivenza civile.

Per iscriverti all’evento clicca qui 

Vi aspettiamo in tanti!

Condividi

Seminari gratuiti per conoscere il modello gestaltico: Palermo, 9 Ottobre 2014


Seminari “In Contatto…con la Gestalt”
Il lavoro con i bambini abusati in PdG
con Rosanna Militello
 

Il bambino ha messo in scena u’armonia incantevole (..)
 Il linguaggio terapeutico deve partire dalle “ragioni del
corpo” del paziente, così come si riverberano nel corpo del terapeuta.
 Il criterio dell’appropiatezza della soluzione adottata dal bambino è quindi estetico, intrinseco all’esperienza.

Margherita Spagnuolo Lobb (2013, pp.36,37)

Read more…

Condividi

Jean Marie Robine ospite dell’Istituto di Gestalt HCC Italy. 15-16 Ottobre 2014 Palermo


Workshop internazionale con crediti ECM
Campo fenomenologico e psicoterapia della Gestalt
Un’esperienza di co-terapia con Jean Marie Robine e Margherita Spagnuolo Lobb

   da 15/10/2014 a 16/10/2014, Palermo

                                             

       Poliedriche sono le possibilità creative per il terapeuta della Gestalt generate dalla prospettiva del campo fenomenologico, dall’essere al confine dell’ignoto, con tutte le incertezze e le paure, così come delle possibilità aperte alla speranza che lo stare con il processo riconosce alla natura umana.

                                                                                               Margherita Spagnuolo Lobb

Read more…

Condividi

Da Settembre 2014 : Seminari di supervisione condotti da Margherita Spagnuolo Lobb


 

Il confine in evoluzione della psicoterapia.
Riflessioni cliniche per psicoterapeuti.

Seminari di supervisione condotti da Margherita Spagnuolo Lobb

 

Inizierà a Settembre la seconda edizione 2014 del ciclo di seminari di supervisione Il confine in evoluzione, condotti da Margherita Spagnuolo Lobb, presso le tre sedi dell’Istituto HCC Italy (Palermo, Siracusa, Milano). I seminari di supervisione sono un’occasione di scambio tra colleghi e di aggiornamento sulle nuove abilità terapeutiche oggi richieste. Il ruolo dello psicoterapeuta è fondamentale nella società contemporanea, ed essere efficaci con i nostri pazienti implica dare un contributo generativo alla comunità di cui facciamo parte.

Ognuno dei tre incontri di questa seconda edizione sarà dedicato ad un tema clinico emergente e includerà momenti teorici ed esperienze personali…. per cogliere e sperimentare l’attualità e il fascino della psicoterapia della Gestalt contemporanea:

1) Il Lavoro sui Sogni in Psicoterapia della Gestalt

2) Il Controtransfert come Evento al Confine di Contatto

3) Diagnosi e Psicopatologia Gestaltica

La partecipazione al corso è a numero chiuso ed è riservata a Psicoterapeuti della Gestalt e di altri approcci.

 

Per maggiori informazioni e iscrizioni nella sede di Palermo clicca qui 

Per maggiori informazioni e iscrizioni nella sede di Siracusa clicca qui 

Per maggiori informazioni e iscrizioni nella sede di Milano clicca qui 

Condividi

26 Giugno, Palermo: Seminario gratuito ” In contatto…con la Gestalt”


Quanto sento di valere? Ho fiducia in me?
Una lettura dell’autostima in termini gestaltici 

con Silvia Tinaglia


Come definire l’Autostima? Potremmo iniziare col dire che pensiamo ad essa quando percepiamo dentro di noi un giudizio, una valutazione che si riflette sulla nostra intimità e ci parla del nostro ‘peso’ nel mondo, in modo globale e intuitivo, a volte molto chiaro, altre più indiretto. Si tratta di una presenza interiore in certi casi scomoda, che siamo portati a pensare appartenga unicamente al nostro intimo.

Ma sarà davvero così, è una questione così strettamente personale? D’altronde, cosa può influire sul nostro pensiero di noi? …Ammesso che il termine ‘pensiero’ possa essere esaustivo in proposito.
I fondatori della Psicoterapia della Gestalt ci forniscono questa indicazione:

“Il senso del proprio valore viene dato solo tramite la propria adeguatezza in un’attività che si sta svolgendo oppure nel rilassamento che avviene dopo aver portato a termine una determinata situazione” (Perls, Hefferline, Goodman, 1997, pp. 99-100).

Questi ed altri interrogativi ci aiuteranno ad avviare insieme riflessioni ‘gestaltiche’ sul tema. Vi aspettiamo!

Per iscriverti all’evento clicca qui 

Per saperne di più e per conoscere i prossimi seminari gratuiti a Palermo clicca qui 

Condividi

22 Maggio: Una Gestalt densa di competenze e di emozioni. Le specializzazioni a Palermo


Una Gestalt densa di emozioni, di relazioni significative e di rigore terorico-metodologico ha costituito lo sfondo della discussione delle tesi di specializzazione degli allievi della sede di Palermo.

Dott.ssa. Annalisa Botindari (La riabilitazione psichiatrica come percorso di cura secondo la Psicoterapia della Gestalt. Aspetti teorici e applicativi. Relatore Dott.ssa Marisa Smiraglia)

Dott.ssa. Egle Cilluffo (Istantanea dei vissuti del terapeuta della Gestalt nel lavoro con l’addiction. Relatore: Dott. Giancarlo Pintus)

Dott.ssa. Marilena Di Pasqua (Lutto come strategia di adattamento creativo alla morte. Il processo del lutto in Psicoterapia della Gestalt. Relatore: dott.ssa Marilena Senatore)

Dott.ssa. Dott.ssa. Milena Dell’Aquila (“La danza relazionale nell’esperienza risanatrice del perdono”. Relatore: Dott.Piero Cavaleri)

Dott.ssa. Roberta Genovese (Psicoterapia della Gestalt e Test di Rorschach. Riflessioni, considerazioni e proposte di integrazione. Relatore Dott.ssa Marisa Smiraglia)

Dott.ssa. Glenda Pergolizzi (Il training autogeno e la psicoterapia della gestalt. Relatore: Dott.ssa Teresa Borino)

Dott.ssa. Pinuccia La Placa (Il Sé fra gioco e danza. Lettura gestaltica di un laboratorio con bambini in età prescolare. Relatore Dott.ssa Teresa Maggio)

Dott.ssa. Rossana Maria La Porta (Omogenitorialità: riflessioni teoriche alla luce dell’epistemologia gestaltica. Relatore: Dott.ssa Anna Giacobbe)

Dott. Pietro Maita (Lo scemo del villaggio. Umane re-esistenze. Relatore Dott.re Giuseppe Cannella)

Dott.ssa. Maria Valentina Morreale (Per sempre genitori Omorelazionalità e genitorialità. Relatore: Dott. Salvatore Libranti)

Dott.ssa. Floriana Romano (Benessere organizzativo e vitalità del gruppo di lavoro. Una ricerca qualitativa sul modello di consulenza aziendale della Psicoterapia della Gestalt. Relatore. Dott.ssa Margherita Spagnuolo Lobb)

Margherita Spagnuolo Lobb, direttore dell’Istituto di Gestalt HCC Italy ha introdotto la sessione portando alla platea numerosa ed attenta,  l’emozione con cui ogni specializzazione viene vissuta.  Questo giorno sancisce il passaggio dall’essere allievo all’essere psicoterapeuta,  al professionista che, in prima persona, si assumerà la responsabilità della cura dell’altro. Ha sottolineato l’importanza di una formazione che garantisca agli allievi la possibilità di guardare e attraversare il proprio dolore per giungere ad una conoscenza “incarnata” della sofferenza di cui l’altro è portatore. Ha concluso con un autorevole e al contempo commovente squarcio di speranza in un momento sociale, economico, relazionale così complesso e difficile come quello attuale. Donare al mondo uno psicoterapeuta che abbia imparato ad essere felice significa offrire al mondo il proprio contributo alla costruzione di una felicità che possa essere approdo per tutti.

Ha fatto da cornice all’evento un’aula gremita di amici e parenti degli specializzandi, che con i loro sguardi e i visi commossi hanno accompagnato i propri cari al momento del completamento di un percorso che li ha visti protagonisti per quattro anni.

Ogni sessione di specializzazione assume le vesti di un rituale narrativo, in cui l’emozione sorge e cresce dal semplice ascoltare ed osservare, nella pienezza sensoriale la spontaneità con cui ciascuno intesse le trame di un racconto scientifico ed al contempo personale.

In quel racconto di pochi minuti si ha la sensazione di attraversare l’intera storia di chi la narra e la storia di un gruppo in cui questa storia viene riattraversata.

Sembra quasi possibile poter dire che il percorso per diventare psicoterapeuti sia la strada da percorrere per ritrovare la propria spontaneità, del sentirsi liberi di esprimere le proprie idee, la strada del concedersi le proprie emozioni, dell’esprimere la propria energia, così come anche la strada del perdono. In fondo diventare psicoterapeuti non è altro che un percorso per diventare umani, al fine di offrire la propria umanità a servizio del dolore e della bellezza della relazione con i nostri pazienti.

Condividi

Giovedi 8 Maggio Seminario in contatto a Palermo. Il lavoro sui sogni in psicoterapia della Gestalt con Gina Merlo


Concetto fondante dell’ossatura teorico-clinica della psicoterapia della Gestalt è l’esserci in-contatto. Ciò implica il considerare il racconto del sogno in terapia come un evento che accade nell’incontro, al confine di contatto. Il classico lavoro di interpretazione sui sogni da parte del terapeuta cede ill posto ad un’esperienza di crescita co-creata nel qui ed ora della seduta, e rivelatrice della tensione  e dell’intensionalità di contatto di cui ogni sogno è messaggero.

 

Per iscriverti all’evento clicca qui 

Condividi

Corso professionalizzante: La gestione psicologica degli eventi critici. Psicologia dell’emergenza secondo il modello gestaltico.


Giorno 28 Aprile 2014  cambierà la tariffa per iscriversi al corso svolto a Palermo nel mese di Maggio:

Le richieste d’iscrizione arrivate entro il 28 aprile 2014:

  • € 160,00 per gli allievi in itinere dell’Istituto, gli studenti universitari ed i neolaureati;
  • € 180,00 per gli ex-allievi dell’Istituto ed i soci SIPG;
  • € 200,00 per coloro che non rientrano nelle precedenti categorie.

Richieste d’iscrizione arrivate dopo il 28 aprile 2014:

€ 220,00 (IVA inclusa ed ECM inclusi).

Affrettati! per compilare la richiesta di partecipazione clicca qui  
Condividi