GLI EVENTI DELL’ISTITUTO: 23 e 24 Maggio a Palermo


La gestione psicologica degli eventi critici Psicologia dell’Emergenza secondo il modello gestaltico con Antonio Roberto Cascio – Corso professionalizzante con crediti ECM – 

Antonio Cascio, conduttore del corso, (didatta della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia presso l’Istituto di Gestalt H.C.C. Italy, membro del Coordinamento Nazionale degli Psicologi del Corpo Militare della Croce Rossa Italiana, ne è il referente per l’Italia centro-meridionale per le attività operative e formative nel campo della Psicologia Dell’Emergenza), ci racconta in breve in che modo dal suo punto divista la Psicoterapia della Gestalt approccia il tema delle emergenze ed il ruolo dell’esperienza corporea in situazioni di criticità.

In che modo la PdG si approccia al tema delle emergenze?

Il tema dell’emergenza è centrale nella teoria della PDG. Lo sviluppo del contatto è attraversato da vissuti di emergenza; la nevrosi è definita come uno stato di emergenza cronica; l’esperimento è uno stato di emergenza indotto, seppur in una condizione protetta come il setting terapeutico; la fine della psicoterapia viene individuata nella capacità dell’individuo di affrontare delle situazioni di emergenza. Infine il nostro modello individua 2 leggi fondamentali cui noi tutti esseri umani obbediamo: sopravvivenza e crescita; quando eventi critici di qualsivoglia natura ci minacciano su questi versanti, noi attiviamo delle forme peculiari di contatto che ci permettono di tutelare la sopravvivenza fisica e la crescita psicologica.

Che ruolo gioca l’esperienza corporea di fronte agli eventi critici?

Davanti agli eventi critici improvvisi  il corpo reagisce o iperattivandosi, mettendosi così in condizione di fronteggiare il pericolo in modo adeguato, o anestetizzandosi, riducendo così la la percezione della portata della situazione di pericolo, altrimenti insopportabile. Entrambi le reazioni sono volte a tutelare la sopravvivenza. A seguito di eventi particolarmente stressanti diventa particolarmente insidiosa l’iper-attivazione (iper-arousal) protratta nel tempo: l’essere umano può sopportare infatti un sovraccarico di tensione fisica solo per periodi limitati di tempo.

Per scaricare la Brochure del corso clicca qui

Per iscriverti al corso clicca qui 

 

Condividi