Seminari gratuiti per conoscere il modello gestaltico: Milano, 10 Ottobre 2014


La coppia che cambia: L’influenza del campo fenomenologico sui rapporti affettivi con Sergio La Rosa
10/10/2014, Milano

 

La psicoterapia della gestalt offre uno sguardo alla relazione di coppia che mette insieme sia il vissuto corporeo dell’essere-con che l’autoregolazione del campo fenomenologico condiviso dalla coppia, dello spazio “tra” i partner, del loro contatto co-creato.

M. Spagnuolo Lobb (2009)

Vivere la relazione con l’altro nell’epoca dell’incomunicabilità e dell’intolleranza è un’esperienza sempre meno facile: dalla solidità dei corpi sociali e delle comunità di un tempo, siamo giunti alla “liquidità” che contraddistingue le precarie relazioni su cui si reggono adesso le coppie e le famiglie (cfr. Cavaleri P., 2007).

Nell’epoca della post-modernità la sfida con cui si confrontano le coppie è la costruzione di un ground di fiducia nel partner come abbastanza “grande” e capace di prendersi cura. Questo rende possibile aprirsi alla novità dell’altro da sé ed essere disponibili a lasciarsi modificare e crescere all’interno della relazione.

La prospettiva fenomenologico-estetica, proposta dal modello del nostro Istituto e declinata attraverso i concetti di campo fenomenologico e di confine di contatto, consente di dimorare nella complessità e di attraversare la liquidità relazionale nella società attuale. La relazione di coppia è considerata un’esperienza di campo che nasce e ha una storia di continue co-creazioni nello spazio di traità esistente tra i partner.

Conduce l’incontro il Dr. Sergio La Rosa, didatta dell’Istituto di Gestalt HCC Italy, Psicoterapeuta e Macrobiologo, con orientamento teorico della Terza Scuola di Psicoterapia di Vienna. Ha partecipato a programmi di ricerca in Argentina e negli Stati Uniti e ha curato l’edizione in lingua spagnola di “Psicoterapia della Gestalt ed Ermeneutica clinica“ (di M. Spagnuolo Lobb).

Per iscriverti all’evento clicca qui 
Per conoscere tutti i seminari gratuiti organizzati a Milano clicca qui  

Condividi