L’amore e la psicoterapia

“L’amore che cura è una sorta di faro che illumina la bellezza dell’altro, una luce che ne rende visibile la vitalità armonica con cui è nella relazione. L’amore dà luce all’intenzionalità di contatto con cui l’altro si adatta alle situazioni difficili con tutta la sua creatività e unicità.
Margherita Spagnuolo Lobb

Open day di presentazione della Scuola di Psicoterapia

condotto dal Direttore M.Spagnuolo Lobb e dallo staff didattico della Scuola
Siracusa, 17 novembre 2012, ore 18.00-20.00
se desideri conoscere il modello della Scuola, prenotati cliccando qui
L’incontro è gratuito

Intimità nella coppia

Nella vita di coppia (come per certi aspetti nella psicoterapia) diamo al partner una chiave di accesso all’intimità, sia quella che riguarda le nostre paure che quella che custodisce i nostri desideri. Speriamo che l’altro a cui ci leghiamo sia diverso e possa riconoscere la profondità del nostro bene, in modo che noi possiamo finalmente sbocciare alla vita sociale con l’orgoglio di essere visti nella parte più positiva, quella capace di dare un contributo costruttivo al gruppo di appartenenza.
Margherita Spagnuolo Lobb
Direttore Scuola di Specializzazione in Psicoterapia
Istituto di Gestalt HCC Italy

News dal seminario sull'identità di genere con Giuseppe Iaculo

A Palermo si è concluso sabato 27 ottobre il Corso di aggiornamento dal titolo “Identità di genere, orientamento affettivo-sessuale e coming-out sociale” tenuto dal Dott. Giuseppe Iaculo.Giuseppe Iaculo identità genere Palermo
Il gruppo, con grande curiosità e fiducia nei confronti di un collega che ha saputo cogliere tanti livelli del lavoro con i suoi pazienti, ha saputo accogliere gli stimoli teorici, metodologici ed esperenziali che, Giuseppe Iaculo ha trasmesso con straordinaria competenza.
Due giornate, quelle di Palermo, che hanno regalato a tutti i partecipanti la possibilità di mettersi in gioco, contattando i propri vissuti personali e professionali.
Grazie Giuseppe!!!

Fritz Perls: Lezione del prof. Bernd Bocian sui primi 40 anni della vita del famoso psicoanalista

bernd bocian spagnuolo lobb gestalt
Sabato 15 settembre Bernd Bocian è stato ospite della sede di Milano e ha tenuto, per gli allievi del primo anno, la lezione sui primi 40 anni della vita di F. Perls.
 
Bocian ha raccontato lo sfondo su cui si è sviluppata la Psicoterapia della Gestalt e che ne ha largamente influenzato l’epistemologia. Senza la conoscenza di questa cornice non è possibile comprendere fino in fondo l’evoluzione dalla psicoanalisi all’approccio terapeutico gestaltico.
L’incontro ha preso spunto dalla recente pubblicazione del volume
Fritz Perls a Berlino 1893-1933
Espressionismo, psicoanalisi, ebraismo
Bernd Bocian (FrancoAngeli, 2011)
Visualizza informazioni sul volume 


News dal seminario: L'arte del racconto: quando narrarsi è terapia con M.L.Grech

“Il paziente che viene in terapia è una persona che vuole raccontarsi all’altro: vuole raccontare la sua storia, il proprio dolore, le proprie speranze o la propria sofferenza. La narrazione attraverso la scrittura, come pensiero che diventa azione, diviene in terapia uno strumento fondamentale nei momenti di empasse, quando la fluidità del raccontarsi all’altro viene interrotta”.
Con grande energia e delicatezza Maria Luisa Grech ha condotto il gruppo attraverso alcune fasi del modello di scrittura creativa, creando l’atmosfera adatta che ha reso possibile ad ogni partecipante contattare i propri vissuti e metterli creativamente in parole.
Quella che segue è una breve poesia composta durante il seminario.
“Non ci sono ombre ma frecce certe
Il mio corpo è concentrato ma non nascosto
Non so vivere senza orgoglio
Sei mia, vicino”

News dall'Open Day della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia, sede di Milano

Foto Open day presentazione Scuola PsicoterapiaSi è svolto nella sede di Milano l’open day della Scuola di Specializzazione dell’Istituto di Gestalt Hcc Italy.
I potenziali allievi, accolti dal Direttore, dallo Staff Didattico e dagli Allievi del primo anno hanno partecipato al seminario “Psicoterapia e società”.
L’ incontro è stato molto intenso, gli aspiranti allievi hanno potuto confrontarsi con i colleghi in formazione, fare domande sul modello e sulla metodologia gestaltica e sperimentare un lavoro esperienziale con il Direttore della Scuola, dott.ssa Margherita Spagnuolo Lobb.
 
In occasione del seminario il Direttore ha illustrato le agevolazioni che la Scuola ha riservato ai nuovi iscritti, tra cui Borse di studio, pubblicazioni scientifiche e partecipazione a convegni nazionali ed internazionali (maggiori dettagli).
Consegna diploma specializzazione psicoterapiaL’evento è coinciso con l’emozionante consegna del diploma da parte del Direttore alla dott.ssa Elisa Profeta, specializzata presso la sede di Palermo.
Per informazioni sui prossimi seminari gratuiti per conoscere il modello, clicca qui

Sull’esperienza estetica. Il sistema dei neuroni specchio e la comprensione del gesto pittorico

Sull’esperienza estetica.
Il sistema dei neuroni specchio e
la comprensione del gesto pittorico
Alessandro Vizzi*

Tratto da Quaderni di Gestalt n.2011-2 (per info ed abbonamenti clicca qui)
 
Riassunto dell’articolo

Il presente lavoro si propone come un contributo ai recenti studi che assegnano al sistema mirror e al processo di simulazione incarnata un ruolo chiave nella comprensione “empatica” delle opere d’arte visiva. Nello specifico l’ipotesi che si vuole qui corroborare è quella secondo cui le opere d’arte Segnica o Gestuale siano in grado di attivare nel fruitore una sorta di risonanza motoria nei confronti dell’artista che le ha prodotte, una comprensione implicita del gesto pittorico cristallizzato nell’oggetto artistico. I soggetti sperimentali sono stati sottoposti alla presentazione di tre categorie di immagini statiche differenti, durante la quale sono stati registrati i Potenziali Motori (MEPs) relativi ad ogni singolo stimolo evocati dall’applicazione della Stimolazione Magnetica Transcranica (TMS). È stato rilevato un incremento specifico nell’eccitabilità dei muscoli della mano dei soggetti alla vista di immagini raffiguranti pitture gestuali piuttosto che nelle altre due categorie di immagini-stimolo.
Parole chiave: Neuroni specchio, Isomorfismo, Neuroni canonici, Estetica, Arte.
 

Ricordi dal seminario sui disturbi di personalità con il prof. Ammaniti

IMG_1101Il prof. Massimo Ammaniti ha condotto a Palermo la seconda edizione del corso “La valutazione dei Disturbi di Personalità in Adolescenza e nell’Età Giovanile”.
Due giornate all’insegna del confronto tra varie figure professionali: psicoterapeuti, neuropsichiatri infantili dediti cooperativamente a codificare tre protocolli di tre interviste strutturate ad adolescenti (pazienti) del prof.Massimo Ammaniti con differenti caratteristiche e difficoltà. Il modello di riferimento Kernberg (Disturbi gravi della personalità, Boringhieri, Torino, 1987).
Il seminario è stato una buona opportunità per uscire dalla propria pesante solitudine (dello studio o dei servizi territoriali e/o ospedalieri) e ritrovarsi con altri colleghi di ogni parte del paese, a confrontarci dietro lo sguardo e l’ascolto attenti del professore Ammaniti sui temi della adolescenza.
Al centro dell’attenzione di ciascuno la sofferenza dei giovanissimi e la volontà di valutare i loro punti di forza, le loro risorse e potenzialità.
IMG_1114Chicca finale dell’evento uno schioppettante dialogo sulla teoria tra Margherita Spagnuolo Lobb e Massimo Ammaniti sui temi dell’età evolutiva, i concetti  di “contatto” in P.d.G.  e l’intersoggettività (il senso di sé intersoggettivo di Daniel Stern).
Questi alcuni scatti tra Manuale Diagnostico Psicodinamico, psicopatologia, diagnosi e codifica delle interviste.
[nggallery id=9]
Per navigare tra i contenuti della prima edizione del seminario, clicca qui

Autismo e Gestalt: Empatia e Teoria della Mente nei Disturbi Pervasivi dello Sviluppo: le persone con autismo possono riconoscere le emozioni?

Empatia e Teoria della Mente nei Disturbi Pervasivi dello Sviluppo: le persone con autismo possono riconoscere le emozioni?
 Antonio Narzisi* e Filippo Muratori**

Tratto da Quaderni di Gestalt n.2011-2 (per info ed abbonamenti clicca qui)
 
Riassunto dell’articolo
Le persone con autismo possono riconoscere le emozioni? Questa domanda è il focus del lavoro. I risultati del nostro studio mostrano prestazioni deficitarie nelle prove verbali di Teoria della Mente ma non in compiti di Teoria della Mente contestuale, ovvero nella comprensione dei contesti emotivi, suggerendo che la presenza di spunti contestuali è di aiuto per il riconoscimento delle emozioni in bambini con autismo. Questi dati sono stati brevemente discussi attraverso la teoria dell’isomorfismo interpersonale (Psicologia della Gestalt); la teoria della simulazione incarnata (embodied simulation di Gallese); e la teoria del confine di contatto (psicoterapia della Gestalt).
Inoltre l’elaborazione locale dell’informazione (livello sistematizzante) non è considerata un ostacolo per l’elaborazione globale/gestaltica dell’informazione e per il riconoscimento delle emozioni ma piuttosto come un segno di neuro-diversità.
 
Parole chiave: Autismo; Teoria della Mente; Terapia della Gestalt; Psicologia della Gestalt; Isomorfismo interpersonale.
 


*Psicologo presso l’IRCCS Stella Maris di Calambrone (Pi). Si occupa di clinica e ricerca nell’ambito della diagnosi e trattamento precoce dell’Autismo. E’ docente incaricato di Psicologia dello Sviluppo presso l’Università di Pisa.
**Direttore UOC di Psichiatria dello Sviluppo presso l’Istituto Scientifico Stella Maris di Calambrone (Pi). Insegna Neuropsichiatria Infantile presso l’Università di Pisa.