IL PRENDERSI CURA Bellezza e risorse nella società post-moderna convegno ad Alcamo


IL PRENDERSI CURA – Bellezza e risorse nella società post-moderna
….È la fiducia che questo sentire porterà a nuove forme percettive più illuminate che rende l’allievo portatore di benessere sociale, ossia di tolleranza e sensibilità, e di capacità di discriminare sé dall’altro, di rendersi autonomo dalle attese dipendenti, fino ad arrivare a vedere sé e l’altro con “amore”.                                                                                                                                                                                                                  Margherita Spagnuolo Lobb
 
CONVEGNO : 24 maggio 2012 – Alcamo (TP)
Contenuti
Lo sfondo di precarietà delle relazioni, l’incertezza e l’instabilità che caratterizzano l’esserci-con del vivere contemporaneo impongono la necessità di nuove riflessioni sul significato che il prendersi cura ha oggi.
Come posso prendermi cura dell’altro oggi? Chi è l’altro che incontro e che scopro diverso da me? Come e perché accoglierlo?
Tali interrogativi inducono ad  una  riflessione sul senso profondo dell’ “incontro”, della “relazione” e del “prendersi cura”,  ed esigono considerazioni attuali e contestualizzate alla società liquida nella quale vive l’uomo contemporaneo.
 Il convegno costituisce  il momento di arrivo di un percorso formativo triennale per counsellor professionisti, ma anche la testimonianza di come una relazione creativa e vitale tra persone diverse, per sensibilità e storie, sia generatrice di possibilità di apertura al mondo  e feconda di verità e conoscenza.  Il prendersi cura ci riporta alla  capacità di “prendersi a cuore” tutto ciò che di bello e di buono c’è nell’altro, è l’arte maieutica di fare emergere  la bellezza, non abbastanza visibile e consapevole, anche nelle forme di disagio e malessere.
E’ la possibilità di stare presenti al confine di contatto con la fede di poter fare il salto nel vuoto necessario per co- costruire qualcosa di nuovo e ripristinare la spontanea capacità di vivere pienamente l’esistenza.
Gli allievi del corso (ormai counsellor professionisti ad orientamento gestaltico!!) porteranno alla comunità sociale le loro riflessioni su tematiche di interesse attuale  nell’ambito delle relazioni d’aiuto.

  • Dall’utero materno al mondo.
  • Dallo schizzo all’opera d’arte. Cicli di vita: prendersi cura dell’altro.
  • Adolescenti in relazione.
  • L’evoluzione dell’intenzionalità di contatto nella relazione affettiva
  • Il Burnout nelle organizzazioni e counselling: la cura della relazione.

I contenuti proposti costituiranno il punto di partenza per delineare un tempo ed uno spazio pensati per promuovere il dialogo e il confronto.
Gli allievi  porteranno  se stessi al confine di contatto con la platea in maniera vibrante e piena,  incarnando, in tal modo, il modello dell’ esser-ci con proposto e portato avanti dall’istituto Hcc Italy.
Programma

Discorso di apertura e chiusura del Convegno: Prof. Margherita Spagnuolo Lobb, Direttrice dell’Istituto di Gestalt HCC – Italy
Interverranno:  Dott.ssa Maricetta Inglima, Dott.ssa Rita Mercanti, Dott.ssa Stefania Testa, Dott. Donato Migliore, Dott.ssa Giusy Ampola, Dott.ssa Rita Caldarella, Dott.ssa Antonella Lopapa, Dott.ssa Margherita Scognamillo, Dott. Vincenzo Torricelli, Dott.ssa Caterina Alastra, Dott.ssa Francesca Maniscalco, Dott.ssa Valeria Naso, Don Rino Rosati, Don Francesco Galioto, Dott.ssa Ornella Ingargiola, Dott. Salvatore Biancorosso, Dott.ssa Daniela Barone, Dott. Carmelo Guido, allievi del 3° anno di Counsellor Professionista.
Conclusioni: Dott.ssa Teresa Borino e Dott.ssa Isabella Porrovecchio, Didatte dell’Istituto di Gestalt HCC – Italy di Palermo
 
Destinatari
Il convegno è rivolto a counsellor, psicologi, sociologi, medici, psicoterapeuti, insegnanti, professionisti delle relazioni di aiuto, operatori sanitari, dirigenti di strutture pubbliche e private.
Date e Orari
Giovedì 24 Maggio 2012 – Orario: 16.30-20.00
 Location dell’evento
Il Convegno si svolgerà presso la sala Congressi della Banca Don Rizzo, Via Manzoni n. 14 – Alcamo (TP)
Attestato
A tutti i partecipanti iscritti e regolarmente accettati attraverso il sito verrà rilasciato un attestato di frequenza al Convegno.
Info Iscrizione
Il convegno è gratuito e a numero chiuso. Le iscrizioni si effettuano tramite il sito www.gestalt.it  Ciò è necessario anche per il rilascio dell’attestato. L’accettazione verrà inviata per email dalla segreteria. Occorre presentarsi al desk del convegno muniti di documento di riconoscimento.
 
 
 

Prof. Massimo Ammaniti: La valutazione dei Disturbi di Personalità in Adolescenza

Massimo Ammaniti La valutazione dei Disturbi di Personalità in AdolescenzaSeminario Professionalizzante con il Prof. Massimo Ammaniti docente di Psicopatologia Generale e dell’ Età Evolutiva presso l’Università “La Sapienza” di Roma:
Il 25 e 26 Maggio, l’Istituto di Gestalt HCC Italy ospiterà il Prof. Massimo Ammaniti, che condurrà il seminario professionalizzante “La valutazione dei Disturbi di Personalità in Adolescenza e nell’Età Giovanile”, con lo scopo si presentare l’IPOP-A (Interview for Personality Organization Process During Adolescence), un’intervista clinica semi-strutturata che esplora vari ambiti della personalità e può essere somministrata agli adolescenti tra i 13 e i 21 anni di età.  Si tratta dell’adattamento italiano dell’intervista di Otto Kernberg, psicoanalista, direttore del Personality Disorders Institute at the New York Presbyterian Hospital.
Obiettivo di queste 2 giornate è quello di fornire ai partecipanti una competenza professionale per l’utilizzo di questo strumento.
Consulta i dettagli del seminario
L’incontro è rivolto a Psicologi, Medici, Psichiatri, Assistenti Sanitari e avrà luogo presso l’Hotel NH Palermo, Foro Italico 22/B e rilascia 23 crediti ECM.
Poiché il numero degli iscritti ha superato di gran lunga il numero dei posti disponibili, l’Istituto di Gestalt HCC Italy replicherà questo evento nelle date del 7 e 8 Settembre 2012 (clicca qui per prenotare la partecipazione).

Specializzazione Palermo: discuteranno prossimamente la tesi

Palermo, 19 Maggio 2012 – ore 12.00
Sede: Istituto di Gestalt HCC Italy, Lincoln 19, Palermo

  1. ANTY INTORCIA –  Titolo Tesi “Non si vola senza radici”- Relatore: Dott.ssa Teresa Borino;
  1. DANIELA LIPARI–  Titolo Tesi “Il contatto in PdG: dal Sé al campo fenomenologico familiare -PARTE PRIMA: descrizione e analisi di una griglia osservativa gestaltica”- Relatore: Dott.ssa Aluette Merenda;
  1. VIVIANA CATANIA–  Titolo Tesi “Il contatto in PdG: dal Sé al campo fenomenologico familiare – PARTE SECONDA:Cornice teorica di una griglia osservativa gestaltica ”- Relatore: Dott.ssa Francesca Lo Verso;
  1. SANDRINE BALDI –  Titolo Tesi “L’essere adesso ovvero riflessioni sull’arte della spontanità”- Relatore: Dott.ssa Gina Merlo;
  1. AMBRA SORRENTINO–  Titolo Tesi “La pelle e la Mente:due gemelle da coccolare. Ipotesi sull’origini embriologiche dei Neuroni Mirror e spunti di riflessione sull’evoluzione della teoria della Mente e sull’importanza dei ‘movimenti intenzionali di CON-TATTO empatico’, oggi”- Relatore: Dott.ssa Gina Merlo.

..co-creiamo il convegno dell'8-9 giugno 2012

Perché non instauriamo una trascendenza orizzontale invece che una trascendenza verticale? Perché invece di parlare con Dio non parlo col prossimo mio? Non era anche una delle massime di Gesù, quando diceva che nel prossimo c’è l’immagine di Dio?

Allora cominciamo a parlare con la gente, insomma, a questo punto.

Perché è già trascendenza riuscire a intendersi con un altro.

Umberto Galimberti

Umberto Galimberti – Nato a Monza nel 1942, è stato dal 1976 professore incaricato di Antropologia Culturale e dal 1983 professore associato di Filosofia della Storia. Dal 1999 è professore ordinario all’università Ca’ Foscari di Venezia, titolare della cattedra di Filosofia della Storia. Nelle sue opere più importanti come Heidegger, Jaspers e il tramonto dell’Occidente (1975), Psichiatria e Fenomenologia (1979), Il corpo (1983), La terra senza il male. Jung dall’inconscio al simbolo (1984), Gli equivoci dell’anima (1987) e Psiche e techne. L’uomo nell’età della tecnica (1999), Galimberti indaga il rapporto che effettivamente sussiste tra l’uomo e la società della tecnica.
Il valore più profondo del pensiero di Galimberti consiste nel tentativo di fondare una nuova filosofia dell’azione che ci consenta, se non di dominare la tecnica, almeno di evitare di essere da questa dominati.
 
 
Il professore Galimberti sarà ospite dell’Istituto di Gestalt HCC Italy in occasione del:
Convegno di studio gratuito
Prometeo e la tecnica; Dioniso e la follia:
Psicoterapia della Gestalt e società tecnologica
con il Prof. Umberto Galimberti
da 08/06/2012 a 09/06/2012, Siracusa
Per info e iscrizioni al convegno www.gestalt.it

Seminario gratuito con Gianni Francesetti

Gianni Francesetti didatta Scuola Specializzazione Psicoterapia Istituto di Gestalt HCC ItalyMilano – Seminario gratuito
Cadere
Movimenti creativi tra sé e il mondo
con Gianni Francesetti
11/05/2012, Milano
Di fronte alla sfida che la complessità della nostra società propone, come può l’individuo orientarsi tra le molteplici opportunità?
Con l’intenzione di rispondere a questo interrogativo, l’Istituto propone 4 incontri in cui verranno intervistati docenti della Scuola di Specializzaizone. Oscillare, sostare, cadere, andare saranno i temi che daranno da sfondo alle singole interviste.
Partendo dall’esperienza clinica dei docenti e facendo riferimento alle loro riflessioni teoriche, ciascun tema verrà affrontato con uno sguardo sull’individuo alle perse con una società in cambiamento.
Contenuti del seminario
Spesso ciò che si associa alla caduta è la perdita, il dolore, l’instabilità: si cade perché si perde l’equilibrio, si inciampa, per sfinimento, perché qualcuno ci fa uno sgambetto, perché ce lo facciamo noi. Ma nell’esperienza umana c’è posto per una caduta che porti in sé un senso di possibilità?
In questo incontro: Gianni Francesetti intervistato da Alessia Repossi
Scarica il programma con il dettaglio dei contenuti
Destinatari
L’incontro è rivolto a tutti gli interessati, a psicologi, medici (neolaureati, in formazione o già inseriti in contesti lavorativi), psichiatri e psicoterapeuti, studenti di psicologia o medicina e ad altre figure che si occupano di relazioni d’aiuto.
Sede
Gli incontri si svolgeranno alle ore 19.30 presso la sede dell’Istituto di Gestalt HCC Italy, Via dei Pellegrini 3, Milano (MM3 Porta Romana), visualizza la mappa google
Info e iscrizioni:
Invia richiesta di iscrizione all’evento o richiedi informazioni
Per assistenza: info@gestalt.it

Quaderni di Gestalt n. 2011-2: anticipazioni…

Quaderni di Gestalt - Rivista italiana di psicoterapia dal 1985
 
 
 
 
E’ uscito il n.2011-2 dei Quaderni di Gestalt, dedicato a Psicoterapia della Gestalt e Neuroscienze. Il numero raccoglie gli atti dei due convegni organizzati dall’Istituto per gli allievi della Scuola di Psicoterapia (sedi di Siracusa e Palermo) con il Professor Vittorio Gallese.
Vi presentiamo l’indice. Nei prossimi giorni pubblicheremo nel blog anche gli abstract degli articoli:
 
EDITORIALE

Psicoterapia della Gestalt e neuroscienze:
il perché di un dialogo,
di Margherita Spagnuolo Lobb e Pietro A. Cavaleri

 
DIALOGHI

Il now-for-next tra neuroscienze e psicoterapia della Gestalt.
Dialogo tra Vittorio Gallese e Margherita Spagnuolo Lobb                               
Afferrare l’altro.
Intervista a Vittorio Gallese, di Pietro A. Cavaleri                                               
Dall’hic et nunc del cervello alla bellezza della rosa,
Intervista di Mariano Pizzimenti a Marco Neppi Modona    
 

RELAZIONI

La psicologia della Gestalt e la scoperta dei neuroni specchio,
di Morris N. Eagle e Jerome C. Wakefield                                                               
La fisiologia delle passioni in Omero,
di Giuseppe Spatafora
Empatia incarnata tra psicoterapia della Gestalt e neuroscienze,
di Valeria Rubino
I luoghi della mente e la bellezza,
di Pietro A. Cavaleri
Dal triadico al quadriadico: il sé gemellare e riflessioni sulla fratria
in psicoterapia della Gestalt,
di Gina Merlo
 

LA GESTALT IN AZIONE

Dall’enteroception al sostegno dell’intenzionalità di contatto.
Simulata di una seduta dal vivo,
di Margherita Spagnuolo Lobb e Vittorio Gallese                                            
 

STUDI E MODELLI APPLICATIVI

Empatia e Teoria della Mente nei Disturbi Pervasivi dello
Sviluppo: le persone con autismo possono riconoscere le emozioni?
di Antonio Narzisi e Filippo Muratori
Sull’esperienza estetica. Il sistema dei neuroni specchio e la
comprensione del gesto pittorico,
di Alessandro Vizzi                                                                                              
 

CONGRESSI

Il dolore e la bellezza: Dalla psicopatologia all’estetica del contatto.
Terzo convegno della Società Italiana Psicoterapia Gestalt,
di Silvia Tinaglia
 

RECENSIONI

Bocian B. (2012). Fritz Perls a Berlino – 1893-1933.
Espressionismo, psicoanalisi, ebraismo,
di Henry (Zvi) Lothane
A.a.V.v. (2006). Massimiliano Cappuccio (a cura di).
Neurofenomenologia: le scienze della mente e la sfida dell’esperienza cosciente,
di Antonio Ferrara                                                                                                        
 

COMMEMORAZIONI

Un omaggio a Paul Goodman nel centenario della sua nascita,
a cura di Bernd Bocian                                                                                
In ricordo di Serge Ginger,
di Gianni Francesetti