Seminari gratuiti per conoscere il modello gestaltico: Palermo, 9 Ottobre 2014


Seminari “In Contatto…con la Gestalt”
Il lavoro con i bambini abusati in PdG
con Rosanna Militello
 

Il bambino ha messo in scena u’armonia incantevole (..)
 Il linguaggio terapeutico deve partire dalle “ragioni del
corpo” del paziente, così come si riverberano nel corpo del terapeuta.
 Il criterio dell’appropiatezza della soluzione adottata dal bambino è quindi estetico, intrinseco all’esperienza.

Margherita Spagnuolo Lobb (2013, pp.36,37)

Read more…

Condividi

14 e 15 Giugno a Siracusa Corpo e mente nel dramma dell’abuso. La lettura del maltrattamento e dell’abuso sessuale nei bambini secondo il Modello Gestaltico con Rosanna Militello


Rosanna Militello, conduttrice del corso, didatta dell’Istituto Hcc Italy, ci racconta brevemente il suo punto di vista relativo alla relazione tra Psicoterapia della Gestalt e il vissuto dell’abuso

In che modo il modello gestaltico si affianca al tema dell’abuso?

La clinica della Psicoterapia della Gestalt da risultati assolutamente sorprendenti con quei bambini che hanno sperimentato  sulla propria pelle la più ignobile delle invasioni.

La forza clinica della Gestalt, infatti, nel lavoro con i bambini abusati, sta proprio nella sua stessa essenza, in quelle caratteristiche intrinseche che la rendono assolutamente flessibile e sorprendente nel creare e promuovere consapevolezza e cambiamento.

Certamente libera e non imbrigliata in schemi strutturati, la clinica gestaltica focalizza l’attenzione sullo spazio fecondo dell’incontro, in quel luogo inesplorato in cui paziente e terapeuta, solo se disposti a osare, possono cominciare a co–creare la loro danza, all’interno di un campo rispettoso,  non invadente, sicuro e chiaro, di una musicalità sempre nuova.

Che ruolo gioca l’esperienza corporea nel vissuto dell’abuso?

 

Nell’abuso, il corpo diventa palcoscenico di impropri accadimenti; è sul corpo e nel corpo che si consumano le ignobili prevaricazioni. Il bambino violato reagisce a ferite così devastanti, adattandosi creativamente all’indecenza. Così facendo, desensibilizza il corpo e si ritira dalla superficie di contatto, sfuggendo dal proprio corpo, sedotto, oltraggiato, violato. Gli adattamenti creativi consentono di sopportare situazioni difficili, ma conducono immancabilmente a quelle desensibilizzazioni corporee che rendono il contattare l’ambiente “handicappato” poiché viene meno la creatività e quindi anche l’unicità dell’individuo. È proprio all’interno dello spazio rassicurante della terapia, zona franca in cui cominciare a costruire la relazione terapeutica, che il piccolo paziente e il terapeuta,  stando in contatto con ciò che accade nel “qui ed ora”, possono dare inizio alla riparazione del trauma e cominciare a ricomporre i cocci di quel sé umiliato e mortificato pesantemente.

 

Per info e iscrizioni al corso clicca qui

Condividi