…aspettando il Convegno Di Studio Con Nancy McWilliams Diagnosi Estetica E Fenomenologica In Psicoterapia Della Gestalt


Si svolgerà il 9 e 10 giugno prossimi il tradizionale convegno organizzato a Siracusa dall’Istituto HCC Italy, in occasione delle rappresentazioni classiche al teatro greco.

Quest’anno il convegno verterà sul tema della diagnosi estetica e fenomenologica e vedrà come ospite d’onore Nancy McWilliams, docente della Rutgers University del New Jersey (USA), autrice di testi psicoanalitici fondamentali e co-curatrice del PDM (Manuale Diagnostico Psicodinamico), nonché la partecipazione di Madelaine Fogarty, docente dell’Università di Melbourne (Australia), autrice della ricerca mondiale sulla coerenza interna del metodo gestaltico, che ha prodotto la Gestalt Therapy Fidelity Scale.

Il primo giorno di lavori sarà centrato sul tema “Dall’individuo, alla relazione, al campo: la posizione della psicoterapia contemporanea” e verrà introdotto il concetto di diagnosi fenomenologica ed estetica, a confronto con il concetto classico di diagnosi.

Nel corso della seconda giornata, che avrà come argomenti di confronto “Dia-gnosi come attraversamento partecipato del dolore e terapia come riconoscimento della bellezza del movimento intenzionato del paziente”, verrà approfondito lo sviluppo delle varie strutture di personalità. La presenza e il sentire del “curatore” saranno considerati come luogo di risonanza e sintonizzazione con la storia delle intenzionalità relazionali del paziente.

Quanto tra teoria, clinica e ricerca verrà discusso dai relatori e commentato con gli ospiti, sarà oggetto di pratica clinica attraverso una seduta condotta da Margherita Spagnuolo Lobb ed una da Nancy McWilliams. Nel rispetto della scientificità di cui la teoria e la pratica della psicoterapia della Gestalt è portatrice, Madelaine Fogarty, già ospite dell’ultimo convegno FISIG che si è svolto a fine Aprile a Catania, relazionerà sulla Gestalt Therapy Fidelity Scale e la relativa ricerca sulla coerenza interna dei modelli psicoterapici.

Al termine di ogni giornata il teatro di Siracusa farà da sfondo alla ricchezza e all’intensità dei lavori, con l’eterna bellezza delle sue rappresentazioni classiche.

Condividi