Il gioco che guarisce – Violet Oaklander


il-gioco-che-guarisce

Il gioco che guarisce

La psicoterapia della Gestalt con bambini e adolescenti

Violet Oaklander
Presentazione di Margherita Spagnuolo Lobb

Quarta di copertina

… le innumerevoli tecniche descritte servono a dare al bambino esperienze sensoriali, corporee, emozionali, intellettive e verbali e aprono all’immaginazione dell’adulto (sia esso psicoterapeuta, insegnante, educatore o semplicemente genitore) un’infinita gamma di possibilità creative per comprendere i bambini e aiutarli a superare le loro difficoltà…

Acquista

Prezzo scontato 29,00 €

aggiungi al carrello

Contenuti

Introduzione all’edizione italiana
Presentazione                                                                                                        Introduzione

Disegno e fantasia

Colori, forme e linee: il vostro mondo. Disegnare la famiglia. Il cespuglio di rose. Lo scarabocchio. Espressioni di rabbia. La mia settimana, la mia giornata, la mia vita. Colori, curve, linee e forme. Disegno libero. La pittura. Dipingere con le dita. Dipingere con i piedi.

Il mio modello di lavoro

Altre idee per fantasie e disegni.

Fare le cose     

Argilla. Altri esercizi con l’argilla. Impasto di argilla. Pane in pasta (gomma di pane). Acqua. Scultura e costruzioni. Legno e attrezzi. Collage. Illustrazioni. Tarocchi.

Storie, poesie e pupazzi       

Storie. Libri. Scrivere. Poesia. Pupazzi. Rappresentazioni con pupazzi.

L’esperienza sensoriale

Il tatto. La vista. Il suono. La musica. Il gusto. L’olfatto. L’intuito. Le emozioni. Il rilassamento. La meditazione. Movimento.

Recitare 

Improvvisazione. Tatto. Vista. Udito. Olfatto. Gusto. Il corpo. Mimare situazioni. Caratterizzazione. Improvvisazione con le parole. Sogni. La sedia vuota. Polarità.

La terapia del gioco    

La vaschetta di sabbia. Giochi. I test proiettivi come tecniche terapeutiche.

Il processo terapeutico       

Il bambino viene in terapia. La prima seduta. Com’è il mio studio. Il processo terapeutico. Resistenza. Conclusione.

Problemi specifici di comportamento  

Aggressività. La rabbia. Il bambino iperattivo. Il bambino introverso. Le paure. Specifiche situazioni di stress o esperienze traumatiche. Sintomi fisici. Insicurezza, dipendenza, bisogno eccessivo di piacere. Il solitario. La solitudine. Il bambino che vive tra realtà e fantasia. Autismo. Il senso di colpa. Autostima, concetto di sé, immagine di sé.

Altre considerazioni              

Il gruppo. L’adolescente. Gli adulti. L’anziano. Fratelli e sorelle. Bambini molto piccoli. La famiglia. La scuola, gli insegnanti e la formazione. Sessismo.

Una nota personale  

Note sull’autore

Bibliografia

Empty tab. Edit page to add content here.
Condividi